◄ Torna a My-Personaltrainer.it

×

Ultima risposta del Forum

Oggi! Salve a tutti. Ho 49 anni, sono alto 1.73 e peso 69kg. Ad aprile scorso, su ispirazione presa dal libro di Tim Ferriss (4 hour for body) ho iniziato un programma di body building semplice, comprendente due allenamenti settimanali molto semplici: petto... Leggi tutto...

Tiroidectomia: c'è un'alimentazione specifica?

Buonasera,
il mio compagno soffriva di ipertiroidismo. Circa 18 anni fa è stato operato e gli hanno asportato interamente la tiroide. Da allora deve assumere ogni giorno un quantitativo di Eutirox e circa 2 volte l'anno fa le analisi del sangue specifiche per controllare i valori T3-T4-TSH. Vorrei sapere se sarebbe necessaria una dieta particolare per una persona con questa patologia, o se ci sono alimenti che sarebbe meglio evitare od altri che sarebbe meglio assumere più frequentemente. Grazie.

Loggati o Registrati per rispondere

L'utente ha scelto di riservare la risposta ai soli professionisti della salute.

Buongiorno, le riporto di seguito un capitolo dell'articolo sul rapporto tra dieta ed ipotiroidismo già presente nel sito; naturalmente, anche se nell'articolo non è menzionato, dal momento che in questo caso specifico la tiroide non c'è più, l'apporto di iodio non può in alcun modo milgiorarne la funzionalità.

Il fatto che la medicina ufficiale dia poca importanza alla dieta nel trattamento dell'ipotiroidismo, deriva anche dal fatto che questo disturbo può essere agevolmente controllato attraverso una terapia sostitutiva a base di levotiroxina eventualmente affiancata da triodotironina. In pratica, gli ormoni tiroidei, deficitarii in tutti i casi di ipotiroidismo, vengono assunti con una semplice compressa di medicinale.
Efficace, sicura ed in terapia da moltissimi anni, la levotiroxina dev'essere assunta secondo le indicazioni mediche; generalmente, si consiglia di assumerla a stomaco vuoto, a distanza di almeno 4-5 ore dall'assunzione di integratori di ferro o calcio, nonché dei multivitaminici che li contengono. Analogo discorso per gli antiacidi a base di sali di alluminio o magnesio, e per alimenti come farina di soia noci, e vari farmaci (colestiramina, colestipolo, sucralfato). In genere, anche l'eccesso di fibre può ridurre l'assorbimento intestinale degli ormoni tiroidei sintetici; tuttavia, gli alimenti che ne sono ricchi risultano importantissimi per evitare problemi di stitichezza, abbastanza comuni nelle persone che soffrono di ipotiroidismo. Frutta e verdura, quindi, vanno consumate a sufficiente distanza dall'assunzione del medicinale, senza privarsi in alcun modo del loro prezioso apporto nutrizionale.
Il ruolo della dieta nel trattamento dell'ipotiroidismo è quindi rivolto, almeno secondo la medicina ufficiale, soprattutto ad evitare possibili interazioni con i medicinali assunti; in tal senso, rimandiamo ad un'attenta lettura del foglietto illustrativo ed ai consigli medici, dissuasendo i lettori dall'idea di modificare inconsciamente la propria dieta sulla base di quanto appreso in internet, specie in siti che - a differenza di questo - preferiscono abbracciare le tesi della medicina non ufficiale.

Servizi: servizio test

Lavora a: Ferrara

Loggati o Registrati per rispondere

L'utente ha scelto di riservare la risposta ai soli professionisti della salute.

Tags: operato tiroide analisi sangue dieta patologia

Cerca i tag all'interno di My-PersonaTrainer.it: ipertiroidismo sangue tiroide

Mappa dei professionisti

Valori nutrizionali

Calorie: 884 Kcal | Carboidrati: 0 g | Proteine: 0 g | Grassi: 100 g

Olio d'oliva

Attività utenti

Utenti